Crea sito

Locazioni

Contratti di locazione

È obbligatorio registrare i contratti di locazione indipendentemente dall’ importo del canone pattuito, quando il contratto d’affitto ha una durata superiore a 30 giorni consecutivi.

I contratti possono essere distinti fra:
– contratto di locazione ad uso abitativo (L. 9 dicembre 1998 n. 431 art. 2, comma1);
– contratto di locazione ad uso abitativo a canone convenzionato (L. 9 dicembre 1998n. 431 art. 2, comma 3);
– contratto di locazione ad uso abitativo di natura transitoria (L. 9 dicembre 1998 n. 431, art.5, comma 1);
– contratti di locazione di natura transitoria per studenti (L. 9 dicembre 1998 n. 431 art. 5, comma 2);
– contratti di locazione ad uso diverso da abitazione.

In linea con quanto stabilito dall’ art. 5 del decreto del Presidente della Repubblica n. 404 del 5 ottobre 2001, ASSOdiCONS offre il servizio di registrazione on-line, per qualsiasi tipo di contratto, con esclusione dei comodati.

Questo servizio innovativo prevede inoltre, il calcolo e versamento in via telematica, di quanto dovuto per le imposte di registro, di bollo e di eventuali maggiorazioni per registrazione tardiva. Si può scegliere di effettuare il pagamento di quanto dovuto o attraverso il proprio conto corrente, comunicando il codice Iban, o pagando direttamente al Caf.

Grazie a questo nuovo servizio, gli interessati possono ridurre drasticamente i tempi ed i costi di un’operazione che in genere richiede lunghe attese e vari passaggi.

Redditi d’affitto: imposte da versare

Il proprietario che affitta un immobile deve considerare che dovrà pagare:
– l’imposta di bollo (a carico del conduttore) quando si effettua la registrazione del contratto d’affitto
– l’imposta di registro (da dividere con l’inquilino) per l’intero periodo di durata del contratto o annualmente, entro 30 giorni calcolati rispetto alla data di stipula e inizio contratto.
– l’imposta ordinaria (irpef, addizionale regionale e comunale) sui canoni d’affitto (quota che va dal 66,5% al 95% di quanto percepito a seconda del tipo di contratto). Si applica quindi una tassazione proporzionale all’ammontare del reddito complessivo di cui l’affitto è solo uno dei redditi compresi.

Cedolare Secca

Con D.L. 23 del 14/03/2011 su alcune tipologie di canoni di locazione si può optare per un nuovo regime d’imposta a tassazione sostitutiva. Questo tipo di tassazione definito “Cedolare Secca” può essere applicato solo nel caso di contratti d’affitto ad uso abitativo.

Se si sceglie questo tipo di tassazione, l’imposta dovuta è pari al 15 o 21 per cento dei canoni percepiti nell’anno, se si tratta di contratti “concordati” oppure no.

Ogni proprietario dell’immobile locato, pur possedendo solo una propria quota, può scegliere il tipo di tassazione a lui più conveniente per ogni anno della durata del contratto.

Per l’anno in cui si opta per il regime della “cedolare secca”:
– non si può chiedere l’aumento Istat del canone stabilito da contratto;
– non è dovuto il versamento dell’imposta di registro (né di bollo in caso di prima registrazione).

Registrazione Telematica

Presso le sedi di ASSOdiCONS puoi chiedere registrazione telematica per:
– Locazione a tassazione ordinaria, con pagamento on-line di quanto dovuto per bollo ed imposta di registro
– Locazione con cedolare secca
– Pagamento imposta di registro annualità successive
– Proroga locazione
– Comunicazione di variazione scelta tassazione
– Risoluzione anticipata contratto di locazione

Attenzione: Non si effettuano registrazioni per sublocazioni o comodato d’uso.


MODULO DI CONTATTO E RICHIESTA INFORMAZIONI

 

Su alcune tipologie di canoni di locazione puoi optare per

#AssoDiCons #Consumatori #Ciampino #Roma #Associazione #Tutela #CAF #Patronato #Riabilitazione #Mediazione

WEB e SOCIAL 

Tutela Legale e Mediazione – Ciampino

FacebookFacebook –  Instagram  – TwitterGoogle+

Fb No Cyberbullismo – Fb Non Giocarti il Futuro

 
sostieni con noi le associazioni no Profit:


Associazione Multiculturale Lazio – ONLUS Oltre il Giardino